Archives for Normative

Visura e planimetria catastale: tutto quello che c’è da sapere

La visura della mappa catastale permette di ottenere informazioni identificative e di dati reddituali sugli immobili. Le informazioni catastali, ad eccezione della consultazione delle planimetrie riservata esclusivamente agli aventi diritto sull’immobile o ai loro delegati, sono pubbliche e dunque l’accesso è consentito a tutti, pagando i relativi tributi speciali catastali e nel rispetto della normativa vigente.

La visura catastale, come specificato dall’Agenzia delle Entrate, consente la consultazione degli atti e dei documenti catastali e permette di acquisire:

  • i dati identificativi e reddituali dei beni immobili (terreni e fabbricati)
  • i dati anagrafici delle persone, fisiche o giuridiche, intestatarie dei beni immobili
  • i dati grafici dei terreni (mappa catastale) e delle unità immobiliari urbane (planimetrie)
  • le monografie dei Punti Fiduciali e dei vertici della rete catastale
  • l’elaborato planimetrico (elenco subalterni e rappresentazione grafica)
  • gli atti di aggiornamento catastale

Recentemente, l’Agenzia ha risposto a un contribuente che chiedeva come accedere alla mappa catastale di una proprietà familiare. L’Agenzia ha chiarito che i proprietari o i titolari di altri diritti reali possono consultare la mappa catastale attraverso diverse modalità:

  1. Presso gli Uffici Provinciali – Territorio dell’Agenzia delle Entrate.
  2. Presso uno sportello catastale decentrato (l’elenco degli sportelli è disponibile nella sezione “Catasto e Cartografia” del sito dell’Agenzia delle Entrate).
  3. Utilizzando il servizio online “Consultazioni visure, planimetrie e ispezioni ipotecarie dei propri immobili” nell’area riservata del sito dell’Agenzia, o tramite il servizio “Consultazione personale” nella categoria “Fabbricati e terreni” del medesimo sito, selezionando la pagina “Consultazione dati catastali e ipotecari”.

L’Agenzia ha specificato che i dati informatizzati possono essere rilasciati in formato cartaceo, se richiesti agli sportelli, o in formato PDF, se richiesti online. Nel caso in cui i dati siano disponibili solo in formato cartaceo, è necessario rivolgersi al competente Ufficio Provinciale – Territorio. La consultazione è gratuita e esente da tributi per le particelle di cui il richiedente è titolare.

Visura e planimetria catastale: le differenze

La visura catastale consente ai soggetti di reperire i dati catastali degli immobili, ma la sua utilità è prevalentemente informativa. I dati contenuti al suo interno, infatti, non hanno valenza legale, in quanto il catasto è definito un “ente non probatorio”. Quando si parla di visura catastale, come spiegato, si indica un documento che riguarda gli elementi identificativi di un bene immobiliare e i suoi intestatari, mentre con planimetria catastale si indica la rappresentazione grafica di un’unità immobiliare (disegno tecnico, di norma in scala 1:200) registrata al Catasto, da cui è possibile desumere, in conformità alle regole catastali, contorni, suddivisione e destinazione dei locali interni, dati metrici e altre informazioni.

La planimetria può essere richiesta gratuitamente dai titolari di diritti reali, risultanti in catasto, o da loro delegati tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate o presso l’Ufficio provinciale – Territorio competente.

Entrambi questi documenti sono fondamentali per la conclusione di una compravendita immobiliare: dal 1° luglio 2010 è infatti diventato obbligatorio, in sede di atto notarile di compravendita, attestare la conformità tra lo stato di fatto dell’immobile e la realtà rappresentata nella planimetria catastale. È fondamentale che anche la visura catastale corrisponda alla realtà fattuale, mostrando i dati completi, corretti e aggiornati dei proprietari.

 

Read more

L’importanza delle Certificazioni ISO 9001:2015, ISO 14001:2015 e della SOA per le imprese edili

Nel settore edile, l’affidabilità, la qualità e il rispetto ambientale sono elementi imprescindibili per garantire la soddisfazione del cliente, la sostenibilità delle attività e la conformità normativa. In un contesto sempre più competitivo e variegato, le certificazioni UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 14001:2015 e l’attestazione SOA assumono un ruolo di primaria importanza, rappresentando un marchio di qualità e competenza che conferisce alle società edili autorevolezza e un vantaggio competitivo significativo.

Per questo motivo Global Società Cooperativa ha optato, negli anni, per l’acquisizione e il mantenimento di queste attestazioni. Dal 2013, infatti, la nostra impresa ha iniziato un percorso che ci ha portato a ottenere le certificazioni UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 14001:2015 e la SOA.

UNI EN ISO 9001:2015 – Garanzia di Qualità e Affidabilità

La certificazione UNI EN ISO 9001:2015 è un riconoscimento internazionale che attesta l’adozione di un sistema di gestione della qualità efficace e orientato al cliente. Per le società edili, questa certificazione significa impegnarsi a garantire standard elevati in tutte le fasi del processo, dalla progettazione e realizzazione dei lavori fino alla consegna finale.

Essere certificati secondo la normativa UNI EN ISO 9001:2015 implica l’implementazione di procedure rigorose per il controllo della qualità, la gestione delle risorse umane e materiali, nonché la continua ricerca di miglioramenti. Ciò non solo aumenta la fiducia del cliente nella società edile, ma favorisce anche la riduzione dei costi operativi e l’ottimizzazione delle prestazioni complessive.

Global ha ottenuto la certificazione per i seguenti servizi: costruzione e ristrutturazione di edifici civili e dei relativi impianti; erogazione di servizi di pulizia ed affissione; struttura di attività di inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati; Gestione aree verdi ambientali; erogazione di servizi di trasporto, traslochi e facchinaggio.

L’applicazione delle stringenti normative, integrata dall’uso di specifiche Procedure, Istruzioni e Moduli, a cui consegue un’ottimizzazione dell’organizzazione dell’impresa, rappresenta per i clienti la garanzia di un servizio di qualità erogato da una struttura in grado di rispondere tempestivamente e con attenzione ad aspettative ed esigenze con alta professionalità.

UNI EN ISO 14001:2015 – Impegno per la Sostenibilità Ambientale

Nell’attuale contesto di crescente sensibilità ambientale, la certificazione UNI EN ISO 14001:2015 assume un’importanza cruciale per le società edili che desiderano operare in modo responsabile e sostenibile. Questa certificazione attesta l’adozione di un sistema di gestione ambientale volto a identificare, monitorare e ridurre l’impatto ambientale delle attività edili.

Le società edili certificate secondo la normativa UNI EN ISO 14001:2015 si impegnano attivamente nella riduzione dei consumi energetici, nella gestione sostenibile delle risorse e nella prevenzione dell’inquinamento. Questo non solo favorisce la tutela dell’ambiente e delle risorse naturali, ma può anche generare vantaggi economici attraverso la riduzione dei costi energetici e l’accesso a nuovi mercati sensibili alla sostenibilità.

Per questo Global ha implementato, insieme al Sistema di Gestione Qualità, un sistema di gestione Ambientale in conformità alle prescrizioni contenute nella norma ISO, adottandone norme e principi e rispettandone obiettivi ed obblighi di conformità per il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

SOA – Credibilità e Affidabilità nei Lavori Pubblici

La certificazione SOA (Società Organismi di Attestazione) è essenziale per le società edili che desiderano partecipare a gare d’appalto per lavori pubblici. Questa certificazione attesta il possesso dei requisiti tecnici, organizzativi ed economici necessari per eseguire lavori pubblici di varia natura e dimensione.

Essere in possesso della certificazione SOA conferisce alle società edili una maggiore credibilità e affidabilità agli occhi delle pubbliche amministrazioni e degli enti committenti, consentendo loro di accedere a una più ampia gamma di opportunità di lavoro e di competere in modo efficace sul mercato delle commesse pubbliche.

In fase di aggiornamento della certificazione SOA, Global ha deciso di “potenziare” la propria certificazione, accrescendo categorie e classifiche di qualificazione: l’OG1, unica categoria precedentemente posseduta, è passata dalla classifica I alla V e sono state aggiunge nuove categorie, in classifica I e nello specifico la OS3, OS6 e OS28. (OG 1 Edifici civili e industriali – OS 3 Impianti idrico-sanitario, cucine, lavanderie – OS 6 Finiture di opere generali in materiali lignei, plastici, metallici e vetrosi – OS 28 Impianti termici e di condizionamento).

Affidati a un’azienda certificata!

Le certificazioni UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 14001:2015 e la SOA (visionabili online qua) rappresentano un investimento strategico per Global Società Cooperativa, perché consentono di garantire a clienti e fornitori elevati standard di qualità, sostenibilità e affidabilità, con la possibilità differenziarsi positivamente sul mercato, attrarre nuovi clienti e consolidare la propria reputazione come partner affidabile e competente nel settore dell’edilizia.

Vogliamo lavorare garantendo sempre la massima qualità e con la massima professionalità. Se anche tu condividi questi valori con noi, affida i tuoi progetti a Global: se vuoi costruire o ristrutturare la tua casa in Sardegna oppure se hai bisogno di uno dei nostri servizi puoi contattaci subito per un preventivo o per un sopralluogo in tutta l’Isola.

Read more
Messa in sicurezza edifici Sardegna

La sicurezza degli edifici è responsabilità dei proprietari: lo dice anche la Cassazione

Nell’ambito della vita urbana, la sicurezza degli edifici costituisce una priorità assoluta, non solo per il benessere dei singoli cittadini, ma anche per la tutela dell’intera comunità. In Italia, è stata la Corte di Cassazione a stabilire, con la  sentenza 25176/2021 , le responsabilità dei proprietari di immobili in stato di degrado, mettendo in evidenza le gravi implicazioni legali legate alla trascuratezza nella garanzia della sicurezza strutturale.

Cosa dice la sentenza della Cassazione

Nel caso specifico, alcuni cittadini comproprietari di un immobile hanno visto respinto il loro ricorso contro un’ordinanza sindacale che chiedeva interventi urgenti per garantire la sicurezza dell’edificio. Il degrado strutturale infatti aveva causato rischi significativi per la sicurezza pubblica, con la caduta di tegole su strade pubbliche e nelle proprietà adiacenti, mettendo a repentaglio l’incolumità delle persone. I proprietari avevano però ignorato tali disposizioni.

La Corte di Cassazione ha confermato che l’omissione di interventi finalizzati a garantire la sicurezza degli edifici può essere sanzionato, ribadendo la condanna dei proprietari, sottolineando la loro responsabilità incontestabile e confermando la severità delle conseguenze legali. I giudici hanno condannato i proprietari dell’immobile al pagamento di una multa di 2.400 euro per violazione dell’articolo 677 del Codice Penale. Tale articolo sanziona l’omissione di interventi necessari per la rimozione del pericolo rappresentato da edifici o costruzioni in stato di rovina e, se dai fatti preveduti dalle disposizioni precedenti deriva pericolo per le persone, la pena può portare all’arresto fino a sei mesi.

Cosa cambia per i proprietari di immobili

La sentenza 25176/2021 segna un punto cruciale nell’obbligo dei proprietari di immobili di garantire la sicurezza strutturale, estendendo tale responsabilità anche ai condomini. Questo aspetto diventa ancor più rilevante in contesti urbani densamente popolati, dove la sicurezza degli edifici riveste un ruolo fondamentale nella vita quotidiana. La decisione della Cassazione non solo rafforza l’importanza della manutenzione costante degli edifici privati, ma pone anche le autorità locali in una posizione di rilievo nella vigilanza e nell’intervento tempestivo in caso di pericolo.

L’importanza della prevenzione

La messa in sicurezza di un edificio è cruciale per prevenire una serie di rischi e pericoli potenziali, tra cui rischio di crollo, incidenti da caduta di materiali (intonaci, tegole, etc), incendi o altri pericoli per la salute (muffe, infiltrazioni d’acqua, etc). Esistono diverse misure e interventi che possono essere attuati per prevenire e dunque garantire la sicurezza degli edifici. È essenziale ad esempio condurre ispezioni periodiche per valutare lo stato di salute dell’edificio e individuare eventuali problemi strutturali o di sicurezza ed effettuare, ove necessario, lavori di manutenzione, come la riparazione di danni strutturali, la sostituzione di materiali usurati o la pulizia dei sistemi di scarico. In caso di necessità, è possibile implementare rinforzi strutturali per migliorare la resistenza dell’edificio e prevenire il cedimento o il crollo.

In sintesi, la messa in sicurezza degli edifici è un investimento fondamentale per garantire la protezione delle persone e delle proprietà, nonché per preservare la sicurezza e la qualità della vita nelle comunità. Implementare interventi mirati e precauzionali può contribuire a ridurre i rischi e a garantire un ambiente abitativo sicuro e accogliente per tutti e protegge i proprietari da implicazioni legali, condanne penali e multe salate.

Devi mettere in sicurezza un vecchio edificio?

Se devi ristrutturare o mettere in sicurezza una casa in Sardegna affida il tuo progetto a un’impresa certificata come Globalcontattaci per un preventivo o per un sopralluogo e ti guideremo in tutte le fasi del processo. Che si tratti di una ristrutturazione completa o di un intervento mirato al ripristino di una condizione minima di salvaguardia, sapremo suggerirti la soluzione più efficace e duratura.

Read more

Edilizia, i requisiti per ottenere l’Attestazione SOA

L’attestazione SOA è un certificato rilasciato alle imprese operanti nel settore delle costruzioni. Questo documento attesta che l’impresa possiede i requisiti tecnici, organizzativi ed economici necessari per partecipare a gare d’appalto pubbliche per lavori di costruzione. Con un tetto minimo fissato a 516.000 euro, ottenere questa qualificazione è cruciale per le imprese edili che puntano ad allargare la propria attività e certificare la qualità aziendale in maniera documentabile.

Per accedere all’attestazione SOA, ogni impresa deve soddisfare una serie di requisiti generali che costituiscono il fondamento a dimostrazione della propria idoneità e serietà nel settore edilizio. Eccoli nel dettaglio:

  • Iscrizione al registro delle imprese: l’iscrizione al Registro delle Imprese è il primo passo indispensabile, poiché attesta l’esistenza legale dell’impresa stessa.
  • Assenza di violazioni gravi: l’impresa non deve aver commesso violazioni considerate particolarmente serie, come irregolarità fiscali, dichiarazioni mendaci, o violazioni delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Questo requisito mira a garantire l’affidabilità e la correttezza dell’impresa nei confronti della legge e della sicurezza dei lavoratori.
  • Regolarità contributiva: l’impresa deve essere in regola con i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali, confermando la sua responsabilità sociale verso i propri dipendenti.
  • Moralità professionale e normativa antimafia: è richiesto il possesso dei requisiti di moralità professionale, soprattutto per i ruoli societari di maggiore rilevanza (titolari, rappresentanti legali, soci, ecc.), assicurando così l’integrità e la liceità delle operazioni aziendali.
  • Diritto al lavoro delle persone diversamente abili: deve essere rispettata la normativa in materia di diritto al lavoro per le persone diversamente abili, garantendo inclusione e pari opportunità all’interno dell’azienda.

Questi criteri generici forniscono il fondamento per un coinvolgimento etico e legale nel settore delle costruzioni, garantendo che l’impresa agisca in modo responsabile e in conformità con le leggi e i regolamenti vigenti.

Oltre ai requisiti generali, al fine di valutare la solidità finanziaria dell’impresa, esistono anche dei requisiti economici che rappresentano un ulteriore filtro di selezione per le imprese che aspirano ad ottenere l’attestazione SOA. L’obiettivo è assicurare i clienti che l’impresa possieda le risorse necessarie per gestire lavori di una certa entità. I principali requisiti economici richiesti sono:

  • Referenze bancarie: è obbligatorio fornire referenze bancarie che attestino la solidità economica dell’impresa. Questo dimostra la capacità dell’azienda di gestire finanziariamente i progetti edili di grande scala.
  • Patrimonio netto positivo: per le società di capitali, è necessario che l’ultimo bilancio depositato presenti un patrimonio netto positivo, indice della salute finanziaria dell’impresa.
  • Fatturato adeguato: l’impresa deve dimostrare di avere un fatturato complessivo, negli ultimi anni di attività (fino a un massimo di 15 anni), pari almeno al 100% della somma delle classificazioni richieste nelle varie categorie SOA. Questo assicura che l’azienda abbia una storia di lavori consistenti con le aspirazioni future.
  • Costo del personale: il costo del personale negli ultimi anni di attività deve rappresentare almeno il 15% del fatturato, con un 40% destinato al personale operaio. In alternativa, può essere pari almeno al 10% del fatturato, con l’80% destinato al personale tecnico (diplomato o laureato). Questo requisito valuta l’investimento dell’impresa nelle risorse umane, fondamentali per la realizzazione di lavori di qualità.
  • Costo delle attrezzature: negli ultimi anni, il costo delle attrezzature deve essere stato almeno pari al 2% del fatturato, con la condizione che le spese per attrezzature a noleggio non superino il 60% del totale. Questo criterio verifica l’adeguatezza e l’aggiornamento delle risorse materiali dell’impresa.

Infine, un’azienda che miri a ottenere l’Attestazione di Qualificazione all’esecuzione di Lavori Pubblici, deve rispettare dei requisiti tecnici per attestare la professionalità e la capacità di un’impresa nel settore delle costruzioni, valutando non solo la presenza di personale qualificato, ma anche l’esperienza pratica dell’azienda in progetti che richiedono specifiche competenze tecniche. Nel dettaglio, questi requisiti sono:

  • Presenza di un Direttore Tecnico qualificato: la presenza di un Direttore Tecnico in azienda, in possesso dei requisiti specificati dalla normativa, è imprescindibile. Questa figura professionale garantisce la supervisione tecnica dei lavori, assicurando che siano condotti secondo gli standard richiesti.
  • Realizzazione di lavori nelle categorie SOA: l’impresa deve aver realizzato lavori appartenenti alle categorie richieste per un importo pari ad almeno il 90% della relativa classifica. Questo dimostra l’esperienza e la capacità dell’impresa di gestire progetti di ampia portata e specificità tecnica.
  • Esecuzione di opere di rilevanza: per attestare ulteriormente la propria competenza tecnica, l’impresa deve aver eseguito opere di particolare rilevanza appartenenti alla categoria richiesta, definite “lavori di punta”. Esistono tre possibilità per soddisfare questo requisito:
    • Un lavoro di punta di importo pari almeno al 40% della categoria richiesta;
    • Due lavori di punta per un importo totale pari almeno al 55% della classifica richiesta;
    • Tre lavori di punta per un importo totale pari almeno al 65% della classifica richiesta.

Per documentare la realizzazione di questi lavori, l’impresa deve esibire i Certificati di Esecuzione dei Lavori (CEL), che attestano in modo ufficiale la capacità dell’impresa di realizzare progetti conformi alle aspettative e alle necessità tecniche specifiche.

Global, impresa edile certificata in Sardegna

Attraverso la preparazione accurata e la conformità agli standard elevatissimi imposti dall’Attestazione SOA, le imprese possono distinguersi nel mercato, garantendo trasparenza, qualità e affidabilità nei propri progetti edilizi.

Se stai cercando un’impresa di ristrutturazione su cui poter contare in Sardegna, Global Società Cooperativa è la scelta giusta per trasformare in realtà i tuoi progetti e la tua voglia di rinnovamento. La qualità dei nostri lavori è garantita dai parametri stringenti necessari per ottenere le certificazioni UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 14001:2015 e l’attestazione SOA. Ogni progetto è gestito con cura e attenzione ai dettagli, garantendo un lavoro di qualità che durerà nel tempo.

Affidati a Global Società Cooperativa  per la tua prossima ristrutturazione e contattaci oggi stesso per un preventivo o per una consulenza e scopri come possiamo trasformare in realtà i tuoi progetti.

L’attestazione SOA, acronimo di “Società Organismi di Attestazione”, è un certificato rilasciato in Italia alle imprese operanti nel settore delle costruzioni. Questo certificato attesta che l’impresa possiede i requisiti tecnici, organizzativi ed economici necessari per partecipare a gare d’appalto pubbliche per lavori di costruzione.
Read more
Ponte Giulio | Modulo sanitario

Come rifare il bagno eliminando le barriere architettoniche (e sfruttare il bonus 75%)

Il Bonus Barriere Architettoniche offre la possibilità di beneficiare di una detrazione del 75% sulle spese sostenute per il rifacimento del bagno, purché rispettino i criteri di progettazione previsti dalle normative vigenti. Tuttavia, indipendentemente dagli incentivi, è sempre obbligatorio seguire i criteri di progettazione per abbattere le barriere architettoniche sia per le nuove costruzioni che per le ristrutturazioni edilizie.

La normativa di riferimento è il DM n. 236 del 14 giugno 1989, che impone il soddisfacimento dei livelli di accessibilità o visitabilità oppure, ove impossibile, almeno dei requisiti di adattabilità degli immobili in tema di abbattimento delle barriere architettoniche.

Ristrutturare il bagno eliminando le barriere architettoniche: gli incentivi

Nel 2024 è possibile ristrutturare il bagno usufruendo del Bonus Barriere Architettoniche – disciplinato dal Decreto Rilancio all’art. 119-ter. L’incentivo ammette una detrazione da IRPEF o da IRES in misura pari al 75% delle spese sostenute per conseguire interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche su immobili già esistenti (quindi escluse le nuove costruzioni e immobili oggetto di demolizione).

Affinché sia possibile ottenere la detrazione, è necessario che i lavori eseguiti siano mirati alla rimozione delle barriere architettoniche. Pertanto, è di fondamentale importanza conformarsi ai criteri di progettazione stabiliti dalla Legge specifica menzionata.

Rimozione delle barriere architettoniche in bagno

I criteri da rispettare per rifare il bagno eliminando le barriere architettoniche devono garantire, anche per le persone con mobilità ridotta o impedita, il diritto di accedere senza problemi ai servizi igienici e di utilizzarli autonomamente. Deve dunque sempre assicurata e resa agevole la mobilità di una sedia a rotelle, calcolando lo spazio necessario per spostamenti e manovre per usufruire di tutti gli apparecchi sanitari.

Tra i criteri principali, garantire l’accostamento frontale della sedia a rotelle al lavandino (80 cm) e quello laterale al water e al bidet (100 cm), alla vasca 0 alla doccia (140 cm) ed eventualmente anche alla lavatrice. In caso di adeguamento di un bagno esistente è possibile eliminare il bidet per recuperare maggiore spazio, soprattutto per assicurare l’utilizzo del WC secondo la normativa, e per lo stesso motivo è possibile anche procedere con la sostituzione della vasca con una doccia a pavimento.

Vorresti sostituire il tuo vecchio bagno?

Se stai pensando di sostituire il tuo vecchio bagno con una soluzione moderna usufruendo dei bonus statali, oppure se devi costruire o ristrutturare la tua intera casa in Sardegna, affida il tuo progetto a una squadra di professionisti esperti: contattaci per un preventivo o per un sopralluogo. Con una pianificazione accurata e la giusta squadra di professionisti, potrai trasformare il tuo bagno, o tutta la tua casa, in un piccolo gioiello realizzato secondo le tue esigenze e desideri.

 

 

Read more
Sostituzione infissi

Sostituzione degli infissi: tutte le detrazioni disponibili nel 2024

Nel corso del 2024, il settore delle costruzioni in Italia affronterà importanti cambiamenti riguardanti le agevolazioni fiscali destinate alla sostituzione di porte e finestre, componenti fondamentali per l’ottimizzazione dell’efficienza energetica degli edifici.

Tali modifiche stanno impattando sia sui condomini che sulle abitazioni monofamiliari e risultano di particolare rilevanza per coloro che desiderano usufruire del Bonus Infissi, il quale attualmente prevede condizioni e vantaggi specifici in base al contesto in cui viene applicato, soprattutto se contestualmente a una ristrutturazione edilizia.

Agevolazioni per edifici unifamiliari e appartamenti

Nel corso del 2024, le residenze monofamiliari e gli appartamenti godono di specifiche agevolazioni fiscali per la sostituzione delle finestre. Per tali tipologie di abitazioni, le agevolazioni sono principalmente regolate attraverso l’Ecobonus e il Bonus Ristrutturazioni.

Nel corso di interventi di riqualificazione energetica completa su residenze monofamiliari, il Bonus Infissi offre un’aliquota del 65%, con un limite massimo di detrazione di 100.000 euro. D’altra parte, per interventi su singoli appartamenti o residenze monofamiliari al di fuori di una ristrutturazione globale, l’aliquota scende al 50%, con un tetto massimo di detrazione fissato a 60.000 euro.

In entrambi i casi, i beneficiari sono tenuti a seguire le procedure di asseverazione e a inviare la documentazione richiesta all’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA) per la verifica e il monitoraggio.

Agevolazioni per i condomini

Nell’ambito condominiale, il Superbonus offre un’agevolazione del 70% fino al 31 dicembre 2024, per poi decrescere al 65% nel 2025 con un massimale di 60.000 euro. Per poter accedere a questo bonus, la sostituzione delle finestre deve essere parte di un intervento più ampio, classificato come “intervento trainato” (possono essere ad esempio lavori di isolamento termico o di sostituzione degli impianti).

Se il condominio non effettua interventi rientranti nel Superbonus, è possibile richiedere l’Ecobonus per lavori di efficientamento energetico. L’aliquota varia dal 65% al 75%, a seconda della natura e dell’entità dell’intervento, con un tetto massimo di detrazione che può arrivare a 100.000 euro. Queste agevolazioni sono accessibili sia per le persone fisiche che per gli enti non commerciali, professionisti e titolari di reddito di impresa.

Stop ai bonus dal 2025?

È importante sottolineare che dal 2025 sono previsti cambiamenti significativi nelle detrazioni per la sostituzione degli infissi. Al termine del 2024, il Bonus Infissi avrà un’aliquota ridotta al 36%, calcolata su un tetto di spesa di 48.000 euro. Una riduzione sostanziale rispetto alle aliquote e ai tetti di spesa attuali che segna un cambio di rotta nella politica di incentivi del settore.

Vorresti sostituire i tuoi infissi?

Se stai pensando di sostituire i tuoi infissi, oppure di costruire o ristrutturare la tua casa in Sardegna, affida il tuo progetto a una squadra di professionisti esperti: contattaci per un preventivo o per un sopralluogo. Con una pianificazione accurata e la giusta squadra di professionisti, puoi trasformare la tua casa in un piccolo gioiello realizzato secondo le tue esigenze e desideri.

Read more
Cappotto termico

Cappotto termico, le agevolazioni del 2024 tra Ecobonus, Superbonus e Bonus Ristrutturazione

Per ottimizzare le prestazioni energetiche degli edifici e ridurre i consumi, il ricorso al cappotto termico si configura come un elemento essenziale. Questo strumento non solo concorre al raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalla direttiva UE “Case Green”, che impone la riduzione dei consumi energetici medi degli edifici residenziali esistenti nei prossimi anni, ma rappresenta anche una scelta consapevole per il risparmio energetico.

Per quanto concerne i bonus edilizi, la situazione nel 2024 si è resa piuttosto complessa, pertanto, è fondamentale orientarsi verso l’incentivo più conveniente e la detrazione fiscale più vantaggiosa.

Cappotto termico: Superbonus 70%

Per gli interventi di installazione di cappotti termici nei condomini, con inizio lavori nel 2024, potrebbe risultare conveniente richiedere il Superbonus. Quando i lavori interessano l’isolamento termico di superfici verticali, inclinate e orizzontali, coinvolgendo l’involucro per oltre il 25% delle superfici disperdenti lordo degli edifici, i condomini possono richiedere il Superbonus al 70% entro il 31 dicembre 2024 o al 65% entro il 31 dicembre 2025.

Nel 2024, l’incentivo presenta un tetto massimo di spesa pari a:

  • 40.000 euro, moltiplicati per il numero delle unità immobiliari dell’edificio nelle strutture da due a otto unità immobiliari;
  • 30.000 euro, moltiplicati per il numero di unità immobiliari dell’edificio nelle strutture con più di otto unità immobiliari.

Il Superbonus può essere usufruito sotto forma di detrazione IRPEF in quattro rate di uguale importo.

Cappotto termico: Ecobonus 70% o 75%

Per implementare cappotti termici con nuovi e efficaci interventi volti a migliorare le prestazioni energetiche e ridurre i consumi degli edifici, il Superbonus non rappresenta l’unica opportunità agevolativa. Per i condomini, un’alternativa valida è l’Ecobonus, in vigore fino al 31 dicembre 2024, che prevede detrazioni fiscali per l’efficientamento energetico con aliquote variabili.

Per i lavori di riqualificazione energetica sulle parti comuni degli immobili condominiali che coinvolgono l’involucro per almeno il 25%, l’Ecobonus prevede un’aliquota del 70%. Un’attenzione particolare va riservata ai parametri di qualità stabiliti dal Decreto Ministeriale del 26 giugno 2015. Se, con i lavori di miglioramento delle prestazioni energetiche estive e invernali, si raggiunge almeno la qualità media del D.M., l’aliquota sale al 75%, rendendo questa detrazione potenzialmente più conveniente del Superbonus.

Il limite massimo di spesa su cui applicare la detrazione del 70% o del 75% è di 40.000 euro, moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono gli edifici. La detrazione è ripartita in 10 rate annuali.

Cappotto termico: Bonus Ristrutturazione 50%

Un’altra opzione è rappresentata dal Bonus Ristrutturazione. Nel 2024, sia per gli edifici unifamiliari che per i condomini, è possibile richiedere questo incentivo anche per lavori edilizi e tecnologici finalizzati al risparmio energetico.

Il Bonus Ristrutturazioni prevede un’aliquota del 50% e un tetto massimo di spesa di 96.000 euro per ogni unità immobiliare, con una detrazione suddivisa in dieci rate annuali. L’aliquota del 50% è inferiore rispetto a quella prevista per Superbonus ed Ecobonus, ma il tetto di spesa è superiore, quindi bisogna fare bene i conti nel caso si possa optare per l’uno o per l’altro bonus fiscale.

Il 2024 offre ancora ampie opportunità per i contribuenti italiani, consentendo una serie di interventi edilizi supportati da agevolazioni statali. Queste opportunità, tuttavia, potrebbero essere precluse o limitate in futuro. Pertanto, è consigliabile valutare attentamente la scelta più adatta alle proprie esigenze e condizioni.

Devi ristrutturare la tua casa?

Se stai pensando di costruire o ristrutturare la tua casa in Sardegna affida il tuo progetto a una squadra di professionisti esperti: contattaci per un preventivo o per un sopralluogo. La ristrutturazione per conseguire l’efficientamento energetico di un edificio può essere un processo impegnativo, ma con una pianificazione accurata e la giusta squadra di professionisti, puoi trasformare la tua casa in un piccolo gioiello costruito secondo le tue esigenze e desideri.

Read more

Bonus Edilizi: cosa cambia nel 2024? Ecco tutte le novità

L’argomento dei bonus edilizi in Italia sta attraversando significativi cambiamenti con effetti che si sentiranno a partire dal 2024. Con la graduale riduzione del Superbonus e la modifica di diverse altre agevolazioni, è cruciale rimanere informati e capire come ottimizzare gli investimenti.

Nel nostro articolo, offriremo una guida dettagliata sulle modifiche previste per il 2024 e su come massimizzare le opportunità di recupero dei crediti investiti in lavori di costruzione e ristrutturazione edile.

Superbonus 70% 

La novità più importante probabilmente riguarda la riduzione del famigerato Superbonus edilizio, che scende al 70% (contro il 90% e il 110% degli anni precedenti). Dal 1° gennaio 2024,  sarà riservato esclusivamente ai condomini. L’agevolazione al 110% sarà mantenuta per coloro che hanno già intrapreso lavori certificati entro dicembre 2023.

Supporto ai redditi bassi

Il Fondo di Povertà costituirà un sostegno rilevante per i cittadini con redditi più bassi. Nel caso in cui il reddito ISEE sia inferiore a 15.000 euro e il 60% dei lavori sia stato completato entro il 31 dicembre di quest’anno, il Fondo interverrà compensando la differenza tra il 70% di agevolazione e il 110%. Questa misura è finalizzata a sostenere, nell’accesso ai bonus edilizi, le famiglie con meno disponibilità economiche.

Ecobonus, Barriere Architettoniche, Sismabonus

L’Ecobonus è stato prorogato anche al 2024 con una detrazione del 50% per spese fino a 60.000 euro per la sostituzione di serramenti e infissi, oltre a schermature solari o caldaie a biomassa. Per i condomini la detrazione sale fino al 70% per spese di isolamento termico.

Il Bonus Barriere Architettoniche nel 2024 subirà delle limitazioni, restando applicabile a interventi specifici come l’installazione e la modifica di scale, rampe, ascensori, e altri dispositivi di accessibilità.

Il Sismabonus infine verrà mantenuto per tutto il 2024, offrendo incentivi per la messa in sicurezza antisismica degli immobili. La detrazione fiscale si attesta al 70 o all’80% a seconda della riduzione del rischio sismico certificata.

Conclusioni

I bonus legati all’edilizia rappresentano un’importante leva per migliorare la qualità abitativa, l’efficienza energetica e la sicurezza degli immobili in Sardegna e in tutta Italia. Se intendi costruire o ristrutturare la tua casa e vuoi essere sicuro di poter accedere a tutti i bonus disponibili affida il tuo progetto a una squadra di professionisti esperti: contattaci subito per un preventivo o per un sopralluogo.

 

Read more

Perché la certificazione ISO 9001 è importante?

La Global Società Cooperativa Sociale è un’azienda certificata UNI EN ISO 9001:2015. Questa certificazione consente alla nostra impresa di dimostrare di aver adottato dei requisiti legati ai sistemi di gestione per la qualità: in particolare su processi produttivi, politiche aziendali, comportamenti documentati e finalizzati alla realizzazione di servizi di alta qualità, con particolare attenzione al soddisfacimento delle esigenze dei clienti.

La norma ISO 9001 ha dunque la finalità di fornire delle linee guida da applicare in azienda, che abbiano come finalità quella di garantire servizi di qualità certificabile, in maniera continuativa nel tempo. Le imprese certificate ISO 9001 devono infatti sottoporsi a verifiche periodiche per garantire, nel tempo, di soddisfare i stringenti requisiti dello standard.

Il vantaggio principale per Global Società Cooperativa Sociale nell’applicazione di uno standard di gestione della qualità è legato al miglioramento dei processi produttivi e dei prodotti. Questi cambiamenti apportati dalla ISO 9001 (conseguita dall’azienda con verifica ispettiva effettuata dall’organismo certificatore KIWA CERMET per la prima volta in data 18/04/2013) non solo ottimizzano le attività svolte in azienda, rendendole anche al contempo più sicure per i lavoratori, ma consentono di consegnare lavori in grado di soddisfare pienamente i clienti finali.

I sette principi della ISO 9001

Alla base della norma ISO 9001 vi sono dei principi considerati fondamentali per l’esecuzione di un buon sistema di gestione della qualità. Essi sono applicabili a qualsiasi azienda, di qualsiasi settore:

  1. Orientamento al cliente, quindi comprensione delle sue necessità, ma anche comunicazione e misurazione continua del suo grado di soddisfazione

  2. Leadership, in quanto i massimi livelli di gestione devono essere coinvolti nell’ottica di miglioramento in modo da condurre l’impresa verso il successo

  3. Coinvolgimento delle persone, in modo che tutti coloro che svolgono un ruolo all’interno dell’azienda producano valore

  4. Approccio per processi, ossia migliorare un sistema a partire dal miglioramento dei micro processi

  5. Migliorare sotto molti aspetti per mantenere una certa competitività sul mercato

  6. Basare le decisioni sull’analisi e sulla valutazione dei dati per pianificare e valutare i miglioramenti che possono condurre l’azienda verso il raggiungimento dei suoi obiettivi

  7. Interazione con le parti interessate in modo da gestire al meglio le relazioni, in un’ottica di partnership.

Rispettare questi requisiti significa migliorare i processi produttivi, le relazioni con fornitori e collaboratori, ma anche la comunicazione con il pubblico e di conseguenza aumentare le possibilità di successo dell’azienda mantenendola sempre competitiva sul mercato.

I vantaggi per i clienti della Global 

I vantaggi di affidarsi a una ditta certificata (oltre alla  UNI EN ISO 9001:2015, Global ha ottenuto anche la certificazione UNI EN ISO 14001:2015 e l’attestazione SOA, di cui parleremo in ulteriori approfondimenti) sono molteplici anche per i clienti. Infatti è garantita la qualità dei processi produttivi (si pensi, nel campo dell’edilizia, all’importanza della garanzia di buona esecuzione dei lavori e del controllo dei processi, tutto certificato e documentabile) e in qualsiasi momento, se necessario, si possono prendere decisioni più efficaci e oggettive, in quanto basate sulla lettura di dati reali, sempre nell’ottica del pieno soddisfacimento delle richieste del cliente e delle normative vigenti.

L’azienda certificata viene inoltre sottoposta a delle verifiche ispettive periodiche, per verificare la conformità dei processi, studiare eventuali azioni correttive e produrre tutta la documentazione necessaria al mantenimento nel tempo della certificazione. In ogni momento il cliente può essere sicuro di essere tutelato e seguito da professionisti che lavorano secondo i più stringenti standard internazionali di qualità.

Vuoi affidarti a un’azienda certificata UNI EN ISO 9001:2015?

Vogliamo lavorare garantendo sempre la massima qualità e con la massima professionalità. Se anche tu condividi questi valori con noi, affida i tuoi progetti a Global: se vuoi costruire o ristrutturare la tua casa in Sardegna oppure se hai bisogno di uno dei nostri servizi puoi contattaci subito per un preventivo o per un sopralluogo in tutta l’Isola.

Read more

Global tutela l’ambiente grazie alla certificazione UNI EN ISO 14001:2015

Global Società Cooperativa Sociale è da sempre un’azienda interessata a raggiungere e dimostrare un buon livello di condotta nei confronti dell’ambiente, controllando l’impatto di attività, prodotti e servizi sulla Natura. Per questo la nostra impresa ha deciso di adottare ufficialmente una politica ambientale certificabile, grazie a obiettivi di salvaguardia orientati a stimolare la protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile.

Esistono infatti norme internazionali che hanno lo scopo di fornire alle organizzazioni i fondamenti di un sistema efficace di gestione ambientale che, integrati con le altre esigenze proprie di ogni realtà produttiva, aiutino le organizzazioni a raggiungere i loro obiettivi ambientali ed economici.

La UNI EN ISO 14001:2015 specifica i requisiti di un tale Sistema di Gestione Ambientale.

Un sistema di questo genere permette ad ogni organizzazione di:

  • identificare gli impatti ed i rischi ambientali e le correlate opportunità di miglioramento
  • garantire l’ottemperanza alle prescrizioni legali di carattere ambientale d’interesse dell’Organizzazione stessa
  • testimoniare all’esterno l’impegno nei confronti dell’ambiente e della collettività
  • ottenere semplificazioni amministrative e i benefici fiscali della certificazione ambientale volontaria
  • ottenere vantaggi di immagine e la riduzione dei costi legati ad un migliore uso delle risorse naturali impiegate nei processi produttivi
  • ottenere vantaggi interni legati a una migliore gestione degli aspetti ambientali ed un maggiore coinvolgimento del personale

Dopo dieci anni dal conseguimento della nostra prima certificazione, quella di Qualità, la Global ha dunque deciso di potenziare il proprio sistema di qualità aziendale in ottica ambientale. Per questo, è stato implementato al Sistema di Gestione Qualità, un Sistema di Gestione Ambientale in conformità alle prescrizioni contenute nella norma ISO, adottandone quindi norme e principi e rispettandone obiettivi ed obblighi di conformità per il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

La certificazione di conformità alla ISO 14001, oltre ad essere un indubbio elemento discriminante nelle scelte odierne e future dei consumatori, dimostra l’impegno concreto di Global Società Cooperativa Sociale nel limitare gli impatti sull’ambiente circostante delle proprie attività produttive.

La nuova edizione della Norma ISO 14001:2015 è integralmente sovrapponibile con le prescrizioni dei più diffusi schemi certificabili (ad esempio la ISO 9001, la SOA, etc), consentendo una più agevole integrazione tra i vari Sistemi di gestione.

Vuoi affidarti a un’azienda certificata UNI EN ISO 14001:2015?

Vogliamo lavorare nel rispetto dell’ambiente e della sostenibilità. Se anche tu condividi questi valori con noi, affida i tuoi progetti a Global: se vuoi costruire o ristrutturare la tua casa in Sardegna oppure se hai bisogno di uno dei nostri servizi puoi contattaci subito per un preventivo o per un sopralluogo in tutta l’Isola.

 

Read more