muffa

Umidità da risalita - Soluzioni in Sardegna

Umidità di risalita: rifacimento vespai e scannafossi detraibile al 50%

L’umidità di risalita è un problema molto diffuso che provoca la formazione di fenomeni di degrado nella parti basse delle murature, visibili a occhio nudo. Quando si notano macchie umide, distacco ed esfoliazione dell’intonaco e comparsa di muffe siamo davanti a un edificio colpito da umidità da risalita. Oltre ai danni estetici (e strutturali nei casi più gravi e trascurati), la muffa è potenzialmente dannosa per la salute umana e causa di problemi respiratori nei soggetti più sensibili.

Prevenire l’umidità di risalita è quindi fondamentale per garantire la durabilità degli edifici nel tempo, ma anche per prevenire la perdita di isolamento termico ed energetico e assicurare un ambiente abitativo salubre. Si tratta di obiettivi che possono essere raggiunti attraverso specifiche tipologie di soluzioni, come l’inserimento di sistemi di drenaggio adeguati, l’utilizzo di materiali impermeabilizzanti o la realizzazione di vespai o scannafossi.

Il vespaio areato è uno spazio posto nelle fondamenta di un edificio, progettato per favorire la circolazione dell’aria. Come dice il nome stesso, si tratta di un elemento strutturale atto a consentire il passaggio dell’aria, che deve essere realizzato per garantire una corretta ventilazione. Lo scannafosso è un’intercapedine creata attorno al perimetro della fondazione di un edificio, e che separa quest’ultimo dal terreno. La sua funzione è quella di arieggiare la fondazione ed impedire la formazione di umidità nei locali seminterrati o interrati, quando le murature perimetrali possono diventare vie potenziali per l’umidità di risalita. Esistono anche sistemi alternativi per contrastare l’umidità di risalita dalle pareti sottostanti il livello del terreno (ad esempio resine, barriere chimiche o intonaci macroporosi).

Rifacimento vespai e scannafossi: lavori in manutenzione straordinaria

La Circolare n. 17/E del 26 giugno 2023 dell’Agenzia delle Entrate ha specificato che il rifacimento di vespai e scannafossi è una tipologia di lavoro agevolabile con il Bonus Ristrutturazione, che ammette una detrazione al 50% con un massimale pari a 96.000 euro. Questi interventi rientrano infatti nella categoria della manutenzione straordinaria di un edificio (condomini o singole unità). Questa categoria abbraccia diverse tipologie di lavori mirate a migliorare la struttura degli edifici con lo scopo di mantenere in efficienza un immobile.

Vuoi risolvere il problema dell’umidità di risalita?

Risolvere definitivamente il problema dell’umidità di risalita comporta interventi strutturali importanti, che possono andare dalla realizzazione di vespai o scannafossi, laddove possibile, fino all’uso di resine, barriere chimiche o intonaci macroporosi laddove non si possa intervenire in altri modi. Affida il tuo progetto a una squadra di professionisti esperti: se vuoi ristrutturare la tua casa in Sardegna contattaci per un preventivo o per un sopralluogo.

Read more

Umidità in casa: come risolvere definitivamente il problema?

L’autunno è iniziato da circa un mese anche se le temperature, in questo fine ottobre del 2023, sono rimaste pressoché estive fino agli ultimi giorni. Con la fine del caldo però, diminuisce il tempo di apertura delle finestre e torna anche il problema dell’umidità in casa, fastidioso e di difficile risoluzione in molte aree della Sardegna, soprattutto in case molto vecchie oppure realizzate senza le opportune misure preventive.

I sintomi dell’eccessiva umidità di un edificio possono essere la condensa sulle finestre, la muffa sulle pareti o sui mobili, la pittura sulle pareti che presenta bolle o scrostature. Si tratta di difetti che compromettono l’estetica dell’abitazione ma soprattutto che mettono a rischio la salubrità degli ambienti domestici e non  sempre è facile trovare una soluzione definitiva al problema: il punto di partenza, comunque, è cercare di capire le cause dell’umidità per poter intervenire con gli opportuni rimedi.

L’eccessiva umidità sulle pareti o sul soffitto può avere diversi fattori scatenanti: potrebbe trattarsi di condensa che si forma per un’areazione insufficiente degli ambienti, oppure potrebbe trattarsi di umidità da risalita dal terreno, oppure di infiltrazioni di acqua piovana da fessure nei muri esterni o dal tetto.

Le conseguenze – sul lungo periodo – possono diventare di tipo strutturale, con danni anche molto evidenti alla casa (bolle d’aria sotto la pittura, muri scrostati, intonaco danneggiato, battiscopa allentati, presenza di aloni scuri sulle pareti, etc). Ma come detto poc’anzi, l’umidità influisce moltissimo anche sulla salubrità dell’aria. Le muffe che prosperano in ambienti umidi diffondono nell’aria spore che possono causare problemi respiratori, irritazioni e allergie. Una ambiente domestico umido rappresenta un rischio maggiore per le persone sensibili che soffrono di malattie croniche o che hanno un sistema immunitario debole, come gli anziani.

I segnali di una casa troppo umida

Ci sono dei segnali che possono metterci in allerta. Imparare a riconoscerli è importante, perché è fondamentale intervenire tempestivamente alla causa del problema, prima di dover affrontare guai peggiori. Tra i sintomi più facilmente riconoscibili annoveriamo:

  • macchie nere di muffa o depositi di salnitro sulle pareti o sul soffitto;
  • condensa sui vetri persistente;
  • odore di muffa;
  • pittura scrostata, carta da parati gonfia, intonaco danneggiato;
  • macchie di umidità scolorite sulle pareti;
  • battiscopa allentati, danneggiamento o scolorimento del rivestimento del pavimento;
  • goccioline negli angoli della stanza.

Se qualcuno di questi “segnali visivi” è presente in una casa, è consigliabile contattare un professionista il prima possibile, per valutare le possibili soluzioni e intervenire rapidamente, prima che i danni diventino insanabili. Bisogna infatti tenere a mente che le cause possono essere molteplici e le soluzioni “fai-da-te” spesso nascondono il problema estetico, senza risolvere la criticità alla base.

Umidità in casa: tipologie e soluzioni

Esistono diverse strategie, in base alle cause dell’eccessiva umidità, per risolvere definitivamente il problema. Il fattore più importante è l’adeguata ventilazione delle stanze, anche di quelle senza finestre (ad esempio, un bagno cieco). Nei casi in cui sia impossibile l’areazione naturale, è bene prevedere un sistema di ventilazione. Anche un condizionatore moderno, in modalità “deumidificatore” aiuta sensibilmente a ridurre il livello di umidità domestico. Tra i comportamenti sconsigliati, invece, c’è l’abitudine di stendere panni ad asciugare dentro casa, docce molto lunghe che producono quantità importanti di vapore acqueo e il mancato utilizzo delle cappe in cucina.

In base alla posizione e alla tipologia dell’umidità, è possibile risalire alle cause e mettere in atto delle contromosse efficaci.

Se l’acqua piovana entra in casa dalle pareti si parla di infiltrazioni. La soluzione è quella di impermeabilizzare la facciata, riparando eventuali crepe ed effettuando un trattamento con un rivestimento trasparente idrorepellente. Se la facciata ha già subito danni molto importanti, potrebbe essere necessario un intervento di ripristino o un rivestimento della facciata con materiali impermeabili.

Se si tratta di umidità da risalita capillare si può iniettare un gel idrorepellente nelle pareti. La barriera chimica (o taglio chimico, in contrapposizione al taglio fisico che prevede un vero e proprio taglio nel muro per permettere l’inserimento di una guaina o lastra impermeabilizzante) viene formata iniettando del liquido impregnante che forma nel muro uno strato idro-repellente che blocca, respingendola, l’acqua in risalita.

Se si tratta di umidità da condensa, significa che l’areazione della stanza è insufficiente. La soluzione a costo zero è quella di aprire in maniera naturale e costante le finestre: se ciò non si rivelasse sufficiente è consigliabile l’installazione di un sistema di ventilazione forzata e purificazione dell’aria.

Può anche capitare che l’umidità in eccesso derivi da una perdita dell’impianto idraulico. In questi casi le macchie sulle pareti e la muffa sono circoscritte e in corrispondenza del passaggio di un tubo. In questi casi, un idraulico potrà aiutarvi a risalire al punto esatto della rottura: non sempre è necessario rompere pareti e pavimenti, quindi i costi potrebbero essere comunque contenuti, se si interviene tempestivamente.

Vuoi risolvere il problema dell’umidità in casa?

L’umidità in casa è un problema comune, ma risolvibile se affrontato nei tempi e nei modi corretti. Se abiti in Sardegna e vuoi risolvere definitivamente il tuo problema contattaci per un preventivo o per un sopralluogo.

Read more

Umidità e muffa in casa: come prevenirla?

La muffa in casa si sviluppa sui muri e su altre superfici che contengono “nutrienti” per la crescita delle spore. L’unica prevenzione realmente efficace consiste nell’evitare che l’umidita superi i valori di rischio, cioè: UR del 65% nell’aria e del 70-80% sulle superfici, dove UR = Umidità Relativa, ossia il rapporto tra la quantità di vapore acqueo contenuto in una massa d’aria e la quantità massima di vapore acqueo che la stessa massa d’ aria riesce a contenere nelle stesse condizioni di temperatura e pressione

Come prevenire la formazione di muffe

Il sistema più efficace per tenere bassa l’umidità all’interno della casa e quello di aerare frequentemente i locali aprendo spesso le finestre, oppure installare un idoneo apparato di ventilazione meccanica controllata.

La muffa si può prevenire anche trattando le superfici più fredde e umide con sostanze chimiche dotate di proprietà disinfettanti, antibatteriche ed antifungine a lungo termine da applicare sulle superfici (ad esempio i sali di boro, ioni di rame o argento, prodotti a base di calce o altri disinfettanti sintetici). Questi prodotti generalmente si applicano a pennello sulle superfici dopo averli diluiti in acqua tiepida o a temperatura ambiente.

Un’altra possibilità, sicuramente meno pratica, consiste nel rivestire le superfici più fredde, come i ponti termici, con dei materiali fortemente igroscopici (ossia capaci di assorbire l’acqua presente e ridistribuirla sul materiale). In questo modo si riduce il valore di UR a livelli più bassi rispetto a quelli di rischio.

Muffe e falsi miti da sfatare

Spesso si combatte la muffa in casa in maniera sbagliata. C’è chi ricorre alle lampade di sale o alle vaschette con sale igroscopico, ma senza ottenere risultati sensibili. Per quanto riguarda l’areazione, spesso si crede che basti arieggiare la casa al mattino per scongiurare il rischio di muffa: falso, è preferibile infatti areare per pochi minuti, ma molto frequentemente, che una sola volta per tempi lunghi. La formula magica da seguire sarebbe: 0,3 ricambi/ora, cioè 0,3 volte il volume degli ambienti per ogni ora dell’intera giornata, ovvero 0,3 x 24 = 7,2 ricambi totali al giorno.

Deumidificatori e lotta alla muffa

I deumidificatori possono sicuramente aiutare, ma costituiscono una spesa non indifferente: il consumo oscilla tra i 200 ed i 300 W per far condensare dai 3 ai 5 litri di umidità al giorno senza ricambiare l’aria, che va in ricircolo continuo. Un semplice sistema di ventilazione meccanica controllata, che scambia l’aria con l’esterno, è in grado di evacuare oltre 10 litri al giorno di umidità nel regime invernale, consumando al massimo 5 W. In fase di ristrutturazione, dunque, è bene prevedere e progettare opportunamente i punti di ventilazione per scongiurare eventuali ponti termici.

Hai muffa nella tua casa e vuoi sbarazzartene?

Per consulenze, sopralluoghi e soluzioni, puoi rivolgerti a Global Società Cooperativa Sociale. Contattaci subito!

Read more