pavimentazione

Massetto realizzato a regola d’arte: tutto quello che devi sapere

Se devi ristrutturare casa o un locale commerciale e con lavori edili importanti (ad esempio sostituzione pavimenti e nuovi impianti), o magari sei alle prese con una nuova costruzione, presto o tardi ti troverai ad affrontare la posa in opera del nuovo massetto.

Il massetto è infatti lo strato di supporto della pavimentazione posato in cantiere su relativo sottofondo (lo strato che si trova tra solaio e massetto deve accogliere le tubazioni dell’impianto idrico, termico e i cavi dell’impianto elettrico) o su uno strato intermedio isolante. Si tratta di quello strato che deve resistere alle varie sollecitazioni meccaniche impartite sulla pavimentazione. Il massetto deve quindi consentire un livello preciso della pavimentazione finale, ripartire opportunamente i carichi sia statici che dinamici, eventualmente ricoprire l’impianto radiante a pavimento e infine ricevere la pavimentazione.

Un massetto realizzato a regola d’arte deve essere compatto, planare, non deve presentare “croste” ed essere omogeneo in tutte le stanze, senza salti di quota o pendenze che possano ostacolare l’appoggio degli arredi o l’apertura delle porte.

Dopo la stesura, la superficie del massetto si presenta come un intonaco grezzo, leggermente porosa e uniforme. Proprio la porosità del massetto consente l’incollaggio delle piastrelle: se fosse troppo liscio l’aderenza del collante sarebbe inferiore e meno efficiente.

Il cosiddetto tempo di maturazione del massetto dipende dal suo spessore. Per un massetto standard di 5 cm si considera un tempo di maturazione del calcestruzzo di circa 28-30 giorni. Tempi lunghi che non sempre collimano con le esigenze di cantiere: si consiglia comunque di non posare il pavimento prima dei 20 gg per non compromettere la compattezza del massetto. È bene ricordare anche che il massetto non deve essere lasciato a lungo senza la pavimentazione sovrastante, in particolare se realizzato all’esterno ed esposto alle intemperie. In questi casi potrebbe essere necessario intervenire in un secondo momento per un corretto ripristino.

Bisogna anche sottolineare che la durabilità di una pavimentazione in ceramica o gres è influenzata dalle caratteristiche del massetto, del metodo e dei prodotti utilizzati per per la sua realizzazione, della attenzione alla corretta stagionatura dell’impasto. Tutte queste variabili incidono profondamente sul risultato finale, al punto che il massetto deve essere considerato parte integrante del pavimento e trattato con la stessa cura e precisione.

Vuoi realizzare un massetto a regola d’arte?

Se hai in programma lavori di ristrutturazione contattaci per un preventivo o per un sopralluogo in tutta la Sardegna.

Read more

Pavimenti in PVC, si o no? Tutto quello che c’è da sapere

Il cloruro di polivinile (PVC) è uno dei polimeri riciclabili più usati nel mondo. Appare come una plastica dal colore bianco che in campo edilizio viene sfruttato in svariate applicazioni. Si tratta infatti di un materiale resistente, facile da pulire, che consente di ottenere un equilibrio tra praticità e possibilità di personalizzazione.

Un esempio molto comune in edilizia è sicuramente l’utilizzo del PVC flessibile, un materiale facile da posare e da pulire, per ottenere una pavimentazione che abbia un design elegante e che  allo stesso tempo risulti più economica rispetto alle alternative classiche. Il PVC flessibile è comunemente usato nei pavimenti di uffici pubblici, scuole, ospedali e in ogni spazio abitativo in cui è necessario che il pavimento sia facile da pulire e sterilizzabile.

Il PVC è elastico e non si deforma quando viene calpestato, è semplice da montare, non richiede particolare manutenzione e ha una resa estetica piacevole. Questo materiale è idoneo per coprire velocemente pavimenti esistenti, andando in copertura senza necessità di smantellare le vecchie pianelle.

Vantaggi del PVC

Il PVC è molto versatile: non si deteriora a contatto con gli agenti chimici ed è resistente al fuoco. É antiscivolo e resistente all’acqua. Inoltre, grazie alle proprietà del materiale di cui è composto, attutisce notevolmente il rumore dei passi, ed è questo uno dei motivi per il quale viene usato frequentemente negli edifici pubblici.

Per quanto riguarda il comfort domestico, il PVC rimane sempre piuttosto “caldo” anche in inverno, per cui è sempre piacevole camminare scalzi. Il pavimento in PVC è adatto a qualsiasi ambiente di una casa: cucina, camera da letto, bagno. Proprio per la sua grande versatilità e la facilità di pulizia, è idoneo a rivestire i pavimenti di qualsiasi zona della casa.

Svantaggi del PVC

Il PVC non è adatto a coprire pavimenti non livellati e non perfettamente lineari, dato il suo spessore molto sottile: in questo caso è importante affidarsi solo a imprese professionali e posatori esperti. Per gli amanti del design, un altro dei punti di debolezza del PVC è la scarsa resa estetica dei prodotti più economici: in particolare, dopo qualche tempo le fughe diventano visibili, con un effetto ottico deludente. Il consiglio è quello di scegliere un prodotto di qualità quando si decide di installare un pavimento in PVC nella propria abitazione.

Il PVC non è compatibile con il riscaldamento a pavimento, perché quando è sottoposto a fonti di calore continue si può scollare e rovinarsi facilmente.

Pavimento in PVC: quanto costa?

Il prezzo dei pavimenti in PVC naturalmente può variare anche notevolmente in base alla qualità (come accade per qualsiasi pavimentazione classica). Tendenzialmente si parte da un prezzo di 8 euro fino ad arrivare a 25 euro al metro quadro. Maggiore è il costo, maggiore saranno durata e qualità estetica del rivestimento.

Read more