impianti elettrici

Impiantistica

Global, leader nell’impiantistica in Sardegna: soluzioni per impianti elettrici, termici, idraulici e di climatizzazione

Quando si costruisce o si ristruttura una casa, l’impiantistica riveste un ruolo cruciale. Un sistema impiantistico ben progettato e installato non solo garantisce comfort e sicurezza, ma contribuisce anche a migliorare l’efficienza energetica e il valore dell’immobile. Ecco perché investire in una buona impiantistica è fondamentale.

Gli impianti di riscaldamento, climatizzazione, idraulici ed elettrici sono essenziali nelle nostre case: un impianto di riscaldamento efficiente assicura una temperatura ideale durante i mesi freddi, mentre un sistema di climatizzazione ben progettato mantiene la casa fresca durante l’estate. Un’installazione idraulica affidabile garantisce un approvvigionamento idrico costante e senza problemi, mentre un impianto elettrico sicuro fornisce l’energia necessaria per tutte le attività domestiche.

Da anni, Global si distingue anche nel settore dell’impiantistica, offrendo un servizio completo nella progettazione, realizzazione e installazione di impianti elettrici, termici, idraulici e di climatizzazione. La nostra esperienza consolidata ci permette di fornire soluzioni su misura, efficaci e rapide, in linea con le specifiche esigenze di ogni cliente.

Impiantistica: servizi completi e personalizzati

La Global è a disposizione per preventivi gratuiti, sopralluoghi accurati e consulenze tecniche specializzate. Il nostro approccio integrato ci consente di seguire il cliente in tutte le fasi del progetto, assicurando un’assistenza continua e dedicata:

  • Progettazione: analisi dettagliata delle esigenze e sviluppo di progetti personalizzati.
  • Acquisto: selezione dei migliori materiali e componenti sul mercato.
  • Installazione: montaggio preciso e puntuale, eseguito da personale altamente qualificato.
  • Manutenzione e assistenza tecnica: servizi post-vendita per garantire la lunga durata e l’efficienza degli impianti.

Scopri tutti i nostri servizi nella pagina “Global Società Cooperativa Sociale – Impiantistica”.

Global: qualità e sicurezza garantite

Utilizziamo solo personale specializzato e con comprovata esperienza, operando nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza e antinfortunistica. Tutti i nostri impianti sono certificati e garantiti secondo le normative di legge, offrendo ai nostri clienti la massima tranquillità e affidabilità, assicurata dal conseguimento da parte di Global delle certificazioni UNI EN ISO 9001:2015UNI EN ISO 14001:2015 e della SOA.

Per supportare ulteriormente i nostri clienti, forniamo gratuitamente servizi di consulenza fiscale per agevolazioni e detrazioni, aiutandoli a sfruttare al meglio tutte le opportunità di risparmio disponibili.

Sempre al tuo fianco

La sicurezza è una delle principali preoccupazioni quando si parla di impiantistica. Gli impianti elettrici difettosi o molto datati possono causare cortocircuiti o incendi, mentre problemi agli impianti idraulici possono portare a perdite d’acqua e danni strutturali. Affidarsi a professionisti esperti per la progettazione, l’installazione e la manutenzione degli impianti è essenziale per prevenire questi rischi e garantire la sicurezza della casa e dei suoi abitanti.

Inoltre, anche a distanza di anni dall’installazione, Global rimane un punto di riferimento affidabile per qualsiasi necessità di intervento sugli impianti installati, in modo da tenerli sempre in perfette condizioni operative. La nostra dedizione al cliente e l’attenzione alla qualità ci rendono il partner ideale per tutte le esigenze impiantistiche.

Contattaci oggi stesso per un preventivo gratuito o una consulenza personalizzata. Con Global, la tua soddisfazione è la nostra priorità.

Devi costruire o ristrutturare una casa in Sardegna?

Una buona impiantistica è essenziale per qualsiasi progetto di costruzione o ristrutturazione. Garantisce comfort, sicurezza, efficienza energetica, e un maggiore valore dell’immobile. Affidarsi a professionisti esperti e aggiornati sulle ultime tecnologie e normative è il primo passo per assicurarsi che la propria casa sia un ambiente sicuro, confortevole e sostenibile nel lungo termine. Investire in impianti di qualità è una decisione che ripaga nel tempo, offrendo tranquillità e benessere per gli anni a venire.

Se stai pensando di costruire o ristrutturare una casa in Sardegna, affidati a un’impresa affidabile e certificata come Global. Siamo qui per aiutarti in ogni fase del tuo progetto, dalla pianificazione alla realizzazione. Contattaci contattaci per richiedere un preventivo o per organizzare un sopralluogo. Siamo pronti a mettere la nostra esperienza al tuo servizio e a garantirti risultati eccellenti.

Read more

Ristrutturare una casa antica: idee e consigli per un restyling di successo

La Sardegna è una terra ricca di tradizioni secolari, che si riflettono anche nelle tecniche costruttive. Tra queste, le case in ladiri rappresentano una testimonianza unica dell’architettura tradizionale sarda. Il termine “ladiri” indica i mattoni di fango crudo, utilizzati per costruire abitazioni sin dai tempi antichi. Ristrutturare oggi una casa antica è un’impresa emozionante e stimolante, che richiede una pianificazione accurata e una visione chiara del risultato finale. Trasformare una vecchia abitazione in ladiri in una casa moderna e funzionale, rispettando al contempo il suo carattere storico, può regalare grande soddisfazione. Ecco alcune idee e consigli per affrontare con successo questo progetto.

Valutare le condizioni strutturali

Le case in ladiri, se ben mantenute, possono durare per secoli. Prima di iniziare qualsiasi lavoro di ristrutturazione, è fondamentale valutare attentamente le condizioni strutturali dell’edificio. Un’ispezione approfondita da parte di un ingegnere può identificare eventuali problemi strutturali, come crepe nelle fondamenta, umidità, o danni al tetto. Questa fase è cruciale per evitare sorprese costose durante i lavori.

Foto tratte da un lavoro di ristrutturazione di una civile abitazione a San Gavino Monreale (clicca qui per vedere la galleria fotografica completa).

Conservare e valorizzare gli elementi storici

Le case in ladiri hanno un fascino rustico e autentico, che rispecchia la storia e la cultura della Sardegna. Una delle sfide principali nella ristrutturazione di una casa antica è mantenere e valorizzare gli elementi che conferiscono carattere e unicità all’edificio. Questi possono includere travi in legno a vista, pavimenti in cotto, camini antichi e infissi originali. Ripristinare questi elementi può richiedere un’attenzione particolare e l’intervento di artigiani specializzati, ma il risultato sarà una casa che conserva il suo fascino storico.

I mattoni di ladiri hanno inoltre ottime proprietà isolanti, sia termiche che acustiche: questo è un altro motivo per mantenere intatte le mura perimetrali della casa, ove possibile. Grazie alla loro composizione, le case in ladiri mantengono una temperatura interna costante, fresca d’estate e calda d’inverno, riducendo la necessità di utilizzare i sistemi di riscaldamento e raffreddamento.

Modernizzare impianti e spazi interni

Un aspetto cruciale della ristrutturazione riguarda l’aggiornamento degli impianti elettrici, impianti idraulici e di riscaldamento. Le case più vecchie spesso non dispongono di impianti moderni e sicuri, quindi è fondamentale sostituirli per garantire efficienza e sicurezza. Questo può includere l’installazione di sistemi di riscaldamento a pavimento, impianti fotovoltaici per la produzione di energia rinnovabile e sistemi di isolamento termico.

Le case antiche inoltre possono avere una distribuzione degli spazi che non si adatta alle esigenze moderne. La ristrutturazione offre l’opportunità di ridisegnare gli interni per migliorare la funzionalità e l’efficienza degli spazi. Questo potrebbe comportare l’apertura di pareti per creare ambienti open space, l’aggiunta di bagni moderni o la creazione di zone living più ampie e luminose.

Durante la ristrutturazione è importante scegliere materiali e finiture di alta qualità che si integrino armoniosamente con l’estetica storica della casa. Questo può includere l’uso di pietra naturale, legno massello, ceramiche artigianali e colori che richiamano le tonalità originali dell’edificio. L’obiettivo è creare un equilibrio tra elementi moderni e tradizionali, preservando l’integrità storica della casa.

Rispetto delle normative

La ristrutturazione di una casa antica può essere soggetta a regolamenti e vincoli specifici, specialmente se l’edificio è considerato di interesse storico. È fondamentale informarsi sulle normative locali (o ancora meglio, affidarsi a un team di professionisti dedicato) e ottenere tutte le autorizzazioni necessarie prima di iniziare i lavori. Collaborare con un’impresa certificata come Global può facilitare questo processo e assicurare che il progetto rispetti tutte le disposizioni legali.

Vuoi ristrutturare una casa antica in Sardegna?

Ristrutturare una casa antica richiede impegno, passione e una buona dose di creatività. Tuttavia, il risultato finale può essere una residenza che combina il fascino del passato con il comfort e la funzionalità del presente. Con una pianificazione accurata e l’attenzione ai dettagli, è possibile trasformare una vecchia abitazione in una casa accogliente, elegante e unica.

Se stai pensando di intraprendere questo affascinante progetto per la tua casa in Sardegna, affidati a un’impresa affidabile e certificata come Global. Siamo qui per aiutarti in ogni fase del tuo progetto, dalla pianificazione alla realizzazione. Contattaci contattaci per richiedere un preventivo o per organizzare un sopralluogo. Siamo pronti a mettere la nostra esperienza al tuo servizio e a garantirti risultati eccellenti.

Read more

Ristrutturare un appartamento: consigli, tempistiche e costi

La ristrutturazione di un appartamento rappresenta un’opportunità per rivoluzionare completamente lo spazio abitativo, migliorandone sia la funzionalità che l’estetica. Quando ci si trova di fronte alla prospettiva di rinnovare un appartamento di dimensioni standard (ad esempio uno di circa 80 metri quadrati), è fondamentale considerare vari aspetti, dalla pianificazione alla gestione dei costi, al fine di ottenere risultati soddisfacenti e rimanere entro il budget stabilito.

Scopriamo quindi come pianificare con cura i lavori, identificare le tempistiche minime necessarie e valutare i costi medi associati al progetto.

Ristrutturare un appartamento: i passaggi fondamentali

La ristrutturazione di un appartamento è un procedimento che richiede una pianificazione curata in ogni dettaglio. Ogni progetto di trasformazione è unico e personalizzato in base alla residenza coinvolta, ma ci sono passaggi “essenziali” che meritano considerazione in tutti i casi.

Il primo stadio di qualsiasi rinnovazione riguarda la rimozione e lo smaltimento degli elementi vecchi, come servizi igienici, serramenti e porte interne. Può includere anche la disinstallazione di controsoffitti, pareti non essenziali, impianti datati, mattonelle da asportare dalle pareti, fino alla sostituzione di pavimenti e massetti.

Successivamente si avanza con le prime opere edili. Tale fase comporta la costruzione di nuove strutture murarie di base, che possono variare a seconda delle esigenze e coinvolgono anche l’installazione di nuove finestre e porte-finestre, insieme alla messa in posa dei cassonetti delle tapparelle.

Una volta completate queste lavorazioni, si procede con la posa delle tubazioni e delle canaline necessarie per gli impianti elettrici e idraulici, un’operazione che richiede la creazione di incassi nelle murature o il passaggio sotto il pavimento, a seconda delle necessità. Successivamente gli impianti vengono coperti e le pareti vengono rifinite, applicando l’intonaco sulle pareti ed eventualmente posando i rivestimenti nei bagni e dei pavimenti in tutto l’appartamento.

Arrivati a questo punto, si procede con il completamento degli impianti elettrici, con le attività di infilatura dei cavi, installazione del quadro elettrico e delle prese elettriche. Gli impianti idraulici vengono finalizzati con l’installazione dei sanitari e delle rubinetterie. Infine vengono installati tutti gli infissi esterni.

Nella fase finale, vengono eseguite le ultime rifiniture edili prima di procedere con l’imbiancatura, dopodiché sarà possibile installare pavimenti in legno, battiscopa, porte interne, placchette e apparecchi illuminanti.

Ristrutturare un appartamento: tempistiche

Le tempistiche richieste per la ristrutturazione di un appartamento (soprattutto se ci si abita e bisogna organizzare un doppio trasloco prima e a fine lavori) è un fattore cruciale per chi sta progettando di migliorare la propria casa. In ogni caso, è essenziale considerare che la durata complessiva della ristrutturazione è influenzata da diversi fattori, tra cui il topo di lavori richiesti, l’esperienza dei professionisti coinvolti e la complessità del progetto.

Per una ristrutturazione parziale, che potrebbe limitarsi alla sostituzione di alcuni elementi e alla tinteggiatura delle pareti, le tempistiche saranno di solito più contenute. In questo contesto, il progetto potrebbe richiedere da un minimo di qualche settimana fino a un massimo di 2 o 3 mesi, a seconda delle modifiche specifiche apportate.

Per una ristrutturazione completa di un appartamento (basandoci su un appartamento standard di circa 80 mq), che comprende la sostituzione degli impianti elettrici, idraulici e di riscaldamento, l’isolamento termico e acustico delle pareti, la ristrutturazione dei pavimenti e dei soffitti, oltre alla sostituzione degli infissi, è opportuno prevedere un periodo di tempo compreso tra i 3 e i 6 mesi in base alle specifiche del progetto.

Ristrutturare un appartamento: costi

Naturalmente uno dei fattori più importanti per una persona o per una famiglia, è l’impatto dei costi sulle economie domestiche. Come per le tempistiche, le spese sono strettamente correlate al tipo di lavorazioni, livelli di rifinitura, qualità dei materiali, tipologia di infissi, etc. Non è possibile avere una stima precisa senza una descrizione del risultato desiderato, un progetto e un computo metrico redatto da un professionista esperto. Per ottenere un quadro chiaro dei costi, è sempre consigliabile richiedere preventivi da uno o più professionisti di fiducia, per valutare le diverse opzioni e scegliere l’offerta col migliore rapporto qualità/prezzo.

Devi ristrutturare un appartamento? Contatta Global!

Se hai in programma di costruire o ristrutturare la tua casa in Sardegna, affida il tuo progetto a una squadra di professionisti esperti: contattaci per un preventivo o per un sopralluogo. La qualità dei nostri lavori è garantita dai parametri stringenti necessari per ottenere le certificazioni UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 14001:2015 e l’attestazione SOA. Ogni progetto è gestito con cura e attenzione ai dettagli, garantendo un lavoro di qualità che durerà nel tempo.

Con una pianificazione accurata e la giusta squadra di professionisti, puoi trasformare la tua casa in un piccolo gioiello realizzato secondo le tue esigenze e desideri.

Read more

Guasti e infortuni domestici: ecco perché è importante un impianto elettrico a norma

Da una recente indagine effettuata da esperti nel ramo dell’Edilizia è risultato che in Italia sono circa 12 milioni gli appartamenti dotati di impianti elettrici non a norma. Gli incidenti domestici e i guasti relativi al malfunzionamento degli impianti elettrici si aggirano intorno ai 45.000 casi ogni anno. Per questo motivo è fondamentale avere un impianto elettrico a norma, realizzato da professionisti con rilascio finale di tutte le certificazioni.

L’impianto elettrico è una delle componenti domestiche più importanti, ma anche quella che rappresenta una delle maggiori fonti di rischio. Conoscere le norme aiuta a valutare il grado di sicurezza della casa e a tutelare gli inquilini. Quando si parla di ristrutturazioni e di realizzazione di impianti elettrici civili, anche per uso domestico, occorre fare riferimento a precise normative che evitano il verificarsi di situazioni potenzialmente pericolose per persone e unità abitative. In questo articolo riassumeremo la norma CEI 64-8, attualmente in vigore in Italia.

Norma CEI 64-8

La norma di riferimento per la realizzazione di un impianto elettrico civile è la CEI 64-8. All’interno della norma è possibile reperire le prescrizioni di legge riguardanti il progetto, la messa in opera e la verifica degli impianti elettrici. Lo scopo di tutte le disposizioni è quello di realizzare un impianto corretto non solo dal punto di vista normativo, ma anche della sicurezza delle persone che abitano l’appartamento.

Dal 1° marzo 2019 è in vigore la Variante 5 della CEI 64-8, che rispetto alle varianti precedenti ha introdotto nuove linee guida che prevedono il percorso di allineamento delle norme nazionali degli impianti elettrici civili alle normative europee, oltre a introdurre le prestazioni minime di cui devono essere dotati gli impianti elettrici.

I livelli minimi delle dotazioni impiantistico-funzionali

I livelli rappresentati dalla normativa CEI 64-8 sono tre:

– nel Livello 1 rientra la predisposizione di un impianto elettrico provvisto delle dotazioni minime obbligatorie, per la conformità ai sensi della CEI 64-8; inoltre, in tal modo verrà data una garanzia circa la sicurezza dello stesso e la sua (seppur minima) funzionalità;

– nel livello 2 rientrano gli impianti realizzati con un numero maggiore di prese di corrente e di circuiti, oltre al citofono e ai dispositivi di controllo dei carichi elettrici;

– al livello 3, infine, vengono inseriti gli impianti innovativi, cioè quelli scomposti in diverse sezioni e dotati, magari, anche di domotica.

Questa ripartizione delle dotazioni degli impianti elettrici è utile non solo all’elettricista che dovrà realizzare il progetto e rilasciare la certificazione di conformità, ma anche al committente il quale, avendo chiari i vari livelli, potrà operare una scelta sul tipo di intervento da far svolgere al professionista.

Ecco una semplice schematizzazione per ogni livello, con l’indicazione delle dotazioni minime che l’elettricista dovrà installare.

Livello 1

Il Primo Livello rappresenta un impianto elettrico di base, che l’elettricista predisporrà per far si che l’appartamento possa essere dotato di certificazione di conformità , oltre a garantire i requisiti di sicurezza e fruibilità: la norma CEI 64-8 prevede che ogni stanza venga dotata di un numero minimo di dispositivi.

Per un appartamento di dimensioni inferiori ai 50 mq, l’elettricista dovrà predisporre un impianto elettrico a due circuiti: ciò significa che dal quadro generale dovrà partire un cavo che alimenta un magnetotermico / differenziale per la linea della luce (quindi i lampadari e le luci in generale) e un magnetotermico / differenziale per la linea delle prese.

Se l’appartamento è più grande rispetto al primo, ma non supera i 75 mq, i circuiti dovranno essere almeno tre: dal contatore generale, quindi, partiranno un magnetotermico / differenziale dedicato esclusivamente all’ambiente cucina e un magnetotermico / differenziale che a sua volta suddividerà la linea ad altri due magnetotermici / differenziali per la luce e per le prese.

Passando ai singoli dispositivi, in conclusione, nell’ingresso andranno previsti almeno una presa, un punto luce, stessa cosa per il corridoio e il ripostiglio. Per le camere da letto, a seconda della dimensione, occorreranno dalle 4 alle 6 prese, 1 o 2 punti luce e almeno una presa tv. Nella cucina, invece, potranno essere installare dalle 2 alle 4 prese (a seconda che vi sia cucina o angolo cottura) e almeno un punto luce e un punto antenna. In bagno risultano necessarie almeno 2 prese e 2 punti luce (uno per lo specchio e uno per il soffitto). Infine, andranno predisposti i punti luce esterni (uno per il balcone e uno sulla porta d’ingresso) e una presa per il telefono.

Livello 2

Il Secondo Livello rappresenta un impianto elettrico di base, maggiorato con sistemi antintrusione, allarmi e videocitofono.

Perciò, rispetto al primo livello avremmo un numero maggiore di prese e punti luce: per le camere da letto, a seconda della dimensione, verranno installate dalle 5 alle 8 prese, 2 o 3 punti luce e almeno una presa tv; nella cucina saranno presenti dalle 2 alle 6 prese (a seconda che vi sia cucina o angolo cottura), 2 punti luce e un punto antenna, mentre nel bagno la predisposizione è identica al livello base, quindi 2 prese e 2 punti luce.

Per quanto riguarda i circuiti, questi, a seconda della dimensione dell’appartamento, saranno minimo 3 (per aree fino ai 75 mq) e massimo 6 (per aree maggiori di 125 mq).

Livello 3

Il Terzo Livello è definito anche impianto domotico in quanto oltre a garantire una soluzione più completa sotto l’aspetto della funzionalità, della sicurezza e della protezione, prevede anche la gestione delle singole zone della casa, attraverso il controllo da remoto.

Un impianto elettrico civile domotico oltre a comprendere i dispositivi classici, quali prese e punti luce, vede la presenza di supporti di comunicazione atti al contrasto delle intrusioni di estranei in casa, della gestione e del controllo delle luci, della regolazione della temperatura degli ambienti e per la verifica dei carichi.

Inoltre, con un impianto di tale livello è possibile anche gestire ogni singolo ambiente, quindi, chiudere o aprire la tapparella di una stanza, spegnere e accendere la luce, diffondere la musica e collegare anche dispositivi di sicurezza quali i sistemi anti allagamento e di rilevazione fughe di gas.

Devi realizzare un nuovo impianto elettrico?

Per sciogliere qualsiasi dubbio ed evitare sorprese, prima di iniziare i lavori è sempre consigliabile affidarsi a dei professionisti esperti: se hai in programma la realizzazione di un nuovo impianto elettrico in Sardegna contattaci per un preventivo o per un sopralluogo.

Read more